SPID: dal 1° ottobre sblocca l’accesso a tutti i servizi pubblici online

Mercoledì 06 Ottobre 2021

A partire dal 1° ottobre lo SPID – il Sistema Pubblico di Identità Digitale – è obbligatorio per accedere in sicurezza a tutti i servizi online erogati dai portali della Pubblica Amministrazione

In alternativa allo SPID, è possibile utilizzare la CIE (Carta di Identità Elettronica) e la CNS (Carta Nazionale dei Servizi) che però ha valenza solo nazionale.

Questo significativo cambiamento, che coinvolge oltre 8mila amministrazioni pubbliche, è stato definito nel decreto Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale, poi convertito in legge n. 120/2020.

Ad oggi, nonostante la scadenza normativa, numerose PA minori non si sono dotate di sistema d’accesso tramite SPID. Ciò è probabilmente dovuto alla difficoltà di implementare questo sistema sui propri siti web, problema che può essere facilmente superato grazie agli aggregatori (intermediari tecnici, voluti da AgID, proprio per agevolare queste operazioni).
 

Come ottenere lo SPID

È possibile richiedere lo SPID in vari modi (anche completamente online, in piena autonomia), qui ci sono tutte le informazioni necessarie.

In pratica, ognuno sceglie la modalità più idonea alle proprie esigenze.

Ciascun cittadino può ottenere gratuitamente il proprio SPID, gli unici vincoli sono: 

avere compiuto 18 anni

possedere un documento di riconoscimento italiano in corso di validità.

Segnaliamo che un’importante possibilità è il nuovo Sistema di gestione deleghe relativo all’uso dello SPID per il superamento del divario digitale, in modo da permettere a sempre più aree della popolazione di accedere a questo sistema.

Un po’ di dati

Le prime identità SPID in Italia sono state rilasciate il 15 marzo 2016, data in cui i primi tre gestori accreditati da AgID hanno cominciato a rilasciare le identità digitali a cittadini e imprese richiedenti.

A partire da quel giorno, per tutto il 2016 fino alla prima metà del 2020, si è registrata una continua e graduale crescita di rilascio di identità SPID, fino a registrarne complessivamente circa 7 milioni.

È interessante notare (come dal grafico sotto) che da giugno 2020 ad oggi si è avuta una accelerazione, con un costante e considerevole incremento di identità SPID rilasciate. 

grafico identità SPID erogate dal 2016 al 2021

Al 15 settembre (ultimo dato AgID) sono state erogate più di 24 milioni di identità digitali. 

In pratica in poco più di 15 mesi – da giugno 2020 – si è avuto un incremento del 242% di SPID totali rilasciati, con un tasso di crescita mensile di 8 volte superiore rispetto al periodo precedente.

Questa crescita è evidentemente determinata dall’aumentare di numero e tipologia di servizi erogati tramite SPID, sia dalle PA che da società private. 

Lo SPID consente di accedere ai servizi on line in modo sicuro e rapido, caratteristiche importanti che spingono sempre più cittadini e imprese ad attivare la propria identità digitale.

Per il futuro?

Considerando i vari aspetti fin qui visti, per il futuro pare plausibile attendersi una ulteriore crescita di rilascio di identità SPID, nonché di sempre più enti e società private che sceglieranno di adottare questo sistema per consentire un accesso sicuro e veloce ai propri servizi online.

 

Anna Guglielmi

 

Contattaci ora






Acconsento al trattamento dei miei dati al solo scopo di essere contatto in merito ai vostri servizi elencati nella mia richiesta.

Desidero essere informato anche via email su tutte le novità dei servizi che proponete.


Prova un'altra immagine